Architettura Eoliana - La casa delle Isole Eolie con i "bisuoli" e i "pulera" - Case Vacanze alle Isole Eolie - Case a Salina, Lipari e Stromboli ...

Vai ai contenuti

Menu principale:


___________________________
- Architettura Eoliana
- Eventi e sagre
____________________________
    

Architettura Eoliana

    - Ristoranti e Pizzerie
    - Attività commerciali
______________________________________
    - Noleggi: 
      Noleggi auto/scooter
      Noleggi Barche
______________________________________
    - Escursioni in barca:
_________________________________
Architettura Eoliana 
  
L'architettura tipica Eoliana è tuttora ben viva nel modo di edificare delle Isole Eolie, ma nasce da esigenze strettamente funzionali dettate dalle condizioni particolari in cui gli abitanti dell'arcipelago si trovarono a vivere.
I muri esterni erano spessi e costruiti a secco con delle pietre locali ciò permetteva di intrattenere il calore in inverno e mantenere fresco l'abitato nel periodo estivo. Caratteristiche sono le travi di legno che reggevano il soffitto, poste a 40 cm l'uno dall'altro con stuoie di canne e sopra venivano messe pietre, malta di calce e sabbia battuta facendo divenire il soffitto duro e compatto. Questa tecnica faceva sì che la costruzione fosse antisismica poiche le fondamenta e le basi erano fatte con pietre pesanti, mentre i solai con pietre leggere e friabili. I rifasci delle porte e delle finestre venivano ingentiliti con bordi colorati e tipiche sono le sculture poste sul tetto.

  

All'interno della camera principale, che era la cucina, vi era un soppalco utilizzato per conservare i cibi. La cucina, costituita da una fornacella a due o tre fuochi aveva due forni: uno grande per il pane e uno piccolo per i dolci.
Il bagno, piccolissimo, era fuori dalla casa per motivi di igiene.
All'esterno della casa vi era il terrazzo, con i "bisuoli" (sedili in muratura) e i "pulera" (tipiche colonne Eoliane) che sostenevano un pergolato a vite. La bocca della cisterna si trovava nel terrazzo. C'erano due tipi di magazzini: la "pinnata" (dove venivano posti gli attrezzi da lavoro, e il "palmento" (dove si pestava il vino).
L'acqua è sempre stato un bene prezioso per gli abitanti delle Eolie, in quanto nelle isole esistevano pochissime sorgenti che riuscivano a dare giusto quella per dissetarsi. Nacquero così, accanto ad ogni casa le cisterne per la raccolta delle acque piovane. 
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu