Scala le nostre vette - Escursioni alle Eolie - Case Vacanze alle Isole Eolie - Case a Salina, Lipari e Stromboli ...

Vai ai contenuti

Menu principale:


- Le Isole Eolie
___________________________
- Eventi e sagre
____________________________
    

Isole Eolie - "Scala le nostre Vette"

    - Ristoranti e Pizzerie
______________________________________
    - Noleggi
      Noleggi auto/scooter
      Noleggi Barche
______________________________________
    - Escursioni in barca:
      Giro dell'Isola di Salina
      Stromboli e Panarea
      Stromboli scalata ai crateri
      Filicudi e Alicudi
      Lipari e Vulcano
 
  -  Scala le nostre vette
_________________________________
 

Salina - Il Monte Fossa delle Felci (962 mt) e il monte Porri (964 mt) 
Fare trekking scalando la Fossa delle Felci (962m), cima più alta dell'arcipelago, nonchè riserva naturale è di certo una bellissima esperienza. Da qui potrete ammirare un panorama mozzafiato non solo sul suggestivo panorama dell'isola, ma anche sulle altre isole dell'arcipelago, delle coste siciliane e, in lontananza, dell'Etna. Mare incontaminato, tramonti suggestivi, silenzi irreali, caratterizzano questo spettacolare scenario dal fascino primitivo. La Riserva Naturale Orientata "Le Montagne delle Felci e dei Porri", istituita con decreto Regionale del 14/03/1984, ha lo scopo di conservare la vegetazione spontanea e difendere la fauna, si estende su una superficie di 1521 ettari, ricadenti nei comuni di Malfa, Santa Marina e Leni. Risalendi lungo le pendici dei coni vulcanici si attraversano formazioni arbustive titpiche della macchia mediterranea. Nella tarda primavera l'intero cratere si ricopre di un tappeto erbaceo a felci che rendendolo particolarmente suggestivo ne ha determinato la denominazione di "Fossa delle Felci".

  

Stromboli - Escursione al cratere
Certamente uno dei richiami più affascinanti dell'isola di Stromboli è il vulcano ed ovviamente, l'escursione che porta fino alla sommità del cratere dove si può, con le dovute accortezze e le guide, trascorrere anche la notte. Il cielo stellato di Stomboli, visto da lassù nelle notti di luglio, è un'emozione unica; il quasi inesistente inquinamento luminoso ne fa infatti uno dei pochi luoghi in Europa, dove è possibile osservare il maggior numero di corpi celesti. Dalla cima del vulcano si può osservare inoltre l'attività continua dello Stromboli, le esplosioni, dette Strombolane , fanno un po' tremare l'isola e lanciano per aria la lava incandescente.
La sciara del fuoco è la strada di lava, che disegnando una lunga striscia di fuoco, corre dalle bocche del vulcano fino a tuffarsi nel mare.
Lo Stromboli arriva fino ad una altezza di 800 metri, per arrivare alle bocche si segue un cammino di tre ore circa partendo dalla zona di Piscità, ma è possibile discendere per più strade che portano al centro del paese, sulla spiaggia o dal lato di Ginostra, sul versante Sud dell'isola. E' obbligatorio salire con la guida, sia perché è necessario avere cognizione delle condizioni metereologiche, sia perché alcuni punti del percorso sono un po' più aspri. 

  

Vulcano - Scalata al cratere e alle fumarole
Anche Vulcano attira ogni anno centinaia di visitatori.
La scalata al cratere vi porterà alla scoperta di questa suggestiva e delle sue manifestazioni vulcanologiche.
Attualmente l'attività vulcanica è data da fenomeni di solfatara e da frequenti eruzioni, generalmente esplosive.
Sebbene l'ultima eruzione sia avvenuta nel 1888 - 1890, il vulcano non ha mai cessato di dare prova della propria vitalità ed ancora oggi si osservano differenti fenomeni: fumarole, getti di vapore sia sulla cresta che sottomarini e la presenza di fanghi sulfurei dalle apprezzate proprietà terapeutiche. A nord numerose fumarole continuano ad emettere acido borico, cloruro di ammonio, zolfo, che alimentano un complesso industriale per la produzione di zolfo.

  

 



  
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu